OMS Log Analytics: la soluzione di Update Management per sistemi Linux

Utilizzando la soluzione di Update Management di Operations Manager Suite (OMS) si ha la possibilità di gestire e controllare in modo centralizzato lo stato di aggiornamento dei sistemi in ambienti eterogenei composti sia da macchine Windows che Linux e in modo indipendente dal loro posizionamento, on-premises piuttosto che nel cloud. In questo articolo verranno approfonditi gli aspetti della solution per quanto riguarda i sistemi Linux.

La soluzione di Update Management consente di valutare rapidamente lo stato degli aggiornamenti disponibili su tutti i server con l’agente di OMS installato ed è in grado di avviare il processo di installazione degli aggiornamenti mancanti. I sistemi Linux configurati per utilizzare questa solution richiedono oltre all’agente OMS la presenza di PowerShell Desired State Configuration (DSC) per Linux e dell’Automation Hybrid Runbook Worker (installati in modo automatico).

La solution al momento supporta le seguenti distribuzioni Linux:

  • CentOS 6 (x86/x64) e CentOS 7 (x64).
  • Red Hat Enterprise 6 (x86/x64) e Red Hat Enterprise 7 (x64).
  • SUSE Linux Enterprise Server 11 (x86/x64) e SUSE Linux Enterprise Server 12 (x64).
  • Ubuntu 12.04 LTS e successive (x86/x64).

Inoltre per poter funzionare in modo corretto è necessario che il sistema Linux abbia accesso ad un update repository. A tal proposito è bene precisare che al momento non c’è la possibilità da OMS di selezionare quali aggiornamenti applicare, ma vengono proposti tutti gli aggiornamenti disponibili dall’update repository configurato sulla macchina. Per aver un maggior controllo sugli aggiornamenti da applicare si potrebbe valutare l’utilizzo di un update repository appositamente creato e personalizzato che contiene solamente gli aggiornamenti che si desidera approvare.

Nel diagramma seguente viene mostrato il flusso delle operazioni che viene svolto dalla solution per riportare verso il workspace OMS lo stato di compliance e per applicare gli aggiornamenti mancanti:

Figura 1 – Flusso delle operazioni svolte sui sistemi Linux
  1. L’agente OMS per Linux effettua una scansione ogni 3 ore per rilevare eventuali aggiornamenti mancanti e riporta l’esito della scansione verso il workspace OMS.
Figura 2 – Dashboard OMS della soluzione di Update Management
  1. L’operatore utilizzando la dashboard di OMS può consultare l’update assessment e definire la schedulazione per il deployment degli aggiornamenti:
Figura 3 – Gestione degli Update Deployment
Figura 4 – Dashboard OMS della soluzione di Update Management

Nella creazione dell’Update Deployment viene definito un nome, l’elenco dei sistemi da coinvolgere, che può essere fornito in modo esplicito oppure utilizzando una query di Log Analytics, e una schedulazione.

  1. Il componente Hybrid Runbook Worker in esecuzione sui sistemi Linux controlla la presenza di finestre manutentive e la disponibilità di eventuali deployment da applicare. A tal proposito è bene specificare che abilitando la solution di Update Management ogni sistema Linux connesso al workspace OMS viene automaticamente configurato come Hybrid Runbook Worker per poter eseguire runbook creati per la distribuzione degli aggiornamenti. Inoltre ogni sistema gestito dalla solution costituisce un Hybrid Runbook Worker Group all’interno dell’Automation Account di OMS seguendo la naming convention Hostname_GUID:
Figura 5 – Hybrid Worker Groups
  1. Nel caso ad una macchina sia associato un Update Deployment (come membro diretto oppure perché appartiene ad uno specifico gruppo di computer) su di essa viene avviato il package manager (Yum, Apt, Zypper) per l’installazione degli aggiornamenti. L’installazione degli aggiornamenti viene pilotato da OMS tramite specifici runbook all’interno di Azure Automation. Questi runbook non sono visibili in Azure Automation e non richiedono nessuna configurazione da parte dell’amministratore.
Figura 6 – Azure Automation Account utilizzato dalla solution di Update Management
  1. Al termine dell’installazione l’agente di OMS per Linux riporta lo stato dell’Update Deployment e di compliance verso il workspace OMS.

Conclusioni

Microsoft Operations Management Suite è uno strumento consolidato che consente di gestire e monitorare ambienti eterogenei. Ancora oggi purtroppo ci si trova di fronte al dibattito sulla reale necessità di mantenere aggiornati periodicamente i sistemi Linux, ma considerando anche alcuni recenti incident di security causati da sistemi non aggiornati, è evidente che è bene disporre di una soluzione che consenta di gestire gli aggiornamenti anche per le macchine Linux. La solution di Update Management di OMS è in continua evoluzione, ma già oggi ci consente di controllare e gestire la distribuzione degli aggiornamenti anche sui sistemi Linux in modo semplice ed efficace.

Per maggiori dettagli vi invito a consultare la documentazione ufficiale Microsoft della Solution di Update Management di OMS.

Per approfondire ulteriormente questa e altre funzionalità è possibile attivare gratuitamente OMS.

 

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea triennale in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell'infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione "Microsoft Certified IT Professional - Enterprise Administrator" (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.