OMS e System Center: novità di Agosto 2017

In questo articolo vengono riassunte le principali novità e vengono riportati gli aggiornamenti, riguardanti Operations Management Suite (OMS) e System Center, che sono stati annunciati durante il mese di agosto.

Operations Management Suite (OMS)

Log Analytics

  • Per Log Analytics è stato pubblicato quello che può essere definito il più importante aggiornamento dalla data del suo rilascio. Tra le principali novità introdotte da questo aggiornamento troviamo un nuovo e potente linguaggio per la creazione delle query, l’introduzione del nuovo portale Advanced Analytics e una maggiore integrazione con Power BI. Per maggiori dettagli vi invito a consultare l’articolo specifico Log Analytics: un importante aggiornamento evolve la soluzione.
Figura 1 – Upgrade di Log Analytics

Agente

  • L’agente OMS per sistemi Linux è in continua evoluzione ed è stata rilasciata una nuova versione che ha risolto alcuni bug e ha migliorato la gestione degli errori in fase di onboarding dell’agente per facilitare le operazioni di troubleshooting: OMS Agent for Linux GA v1.4.0-45
Figura 2 – Elenco Bug Fix e novità del nuovo agente OMS per Linux

Solutions

  • La solution OMS Network Performance Monitor è stata migliorata ed arricchita con le seguenti nuove funzionalità:
    • Diagnostica dell’agent: la solution ora fornisce la possibilità di monitorare in una specifica view lo stato di salute dei vari agenti NPM distribuiti sulla rete e in caso di problemi riporta delle informazioni di diagnostica utili per la relativa risoluzione.
    • Hop-by-hop latency breakdown: la topology map della rete è stata arricchita con i dettagli dei tempi di latenza riscontrati tra due punti specifici.
    • Disponibilità sul portale Azure: oltre a continuare ad essere disponibile dal portale OMS può essere aggiunta dal Marketplace Azure e utilizzata direttamente dal portale Azure.
    • Presenza in ulteriori region di Azure: la solution è ora disponibile anche per la region Azure West Central US.

Per maggiori dettagli a riguardo è possibile consultare l’annuncio Improvements to OMS Network Performance Monitor.

  • La tecnologia emergente Docker container è sempre più diffusa e il monitor diventa un componente essenziale. Per questo motivo il team di OMS ha annunciato la disponibilità della nuova solution Container Monitoring che consente di:
    • Visualizzare in un’unica location le informazioni relative a tutti gli host container.
    • Conoscere quali container sono in esecuzione, dove lo sono e con quale immagine.
    • Vedere informazioni di audit riguardanti le azioni svolte sui container.
    • Visualizzare e ricercare log a fini di troubleshooting senza dover accedere agli host Docker.
    • Individuare i container che stanno consumando un quantitativo eccessivo di risorse sull’host.
    • Visualizzare a livello centralizzato informazioni di performance relative ai container riguardanti l’utilizzo della CPU, della memoria, dello storage e della network.
Figura 3 – Schema di sintesi della solution Container Monitoring

Tutti i dettagli sulla solution Container Monitoring è possibile consultarli nel documento Container Monitoring solution in Log Analytics.

  • Rilasciata in preview la nuova solution per il monitoring delle Azure Logic Apps. La solution consente di visualizzare diverse informazioni relative allo stato delle logic app e di fare il drill down per consultare maggiori dettagli utili a fini di troubleshooting. Tutti gli aspetti di questa solution è possibile consultarli nella documentazione ufficiale Microsoft.

Security e Audit

  • La baseline assesment di OMS Security si arricchisce con la funzionalità Web security baseline assessment che è stata annunciata in public preview e consente di effettuare la scansione dei web server con Internet Information Service (IIS) per controllare la presenza di eventuali vulnerabilità di security e fornisce utili raccomandazioni relative alla corretta configurazione dell’ambiente. Il documento Web Baseline Assessment in Operations Management Suite Security and Audit Solution riporta ulteriori informazioni in merito.
Figura 4 – Dashboard dell’assessment della Web security baseline

 

System Center

System Center Configuration Manager

  • Lo scorso mese è stata rilasciata la versione 1706 per il Current Branch (CB) di System Center Configuration Manager come riportato nell’articolo OMS e System Center: novità di Luglio 2017. In data 8 agosto è stato pubblicato un package di update per correggere alcuni errori che sono stati riscontrati durante i primi deployment, ma tale package introduceva dei problemi pertanto in data 11 agosto è stato sostituito con una nuova versione. Per coloro che hanno aggiornato SCCM alla versione 1706 tra l’8 agosto e l’11 agosto è necessario che venga installato un ulteriore aggiornamento come documentato nella knowledge base Microsoft Update for System Center Configuration Manager version 1706, first wave. Tale aggiornamento è possibile installarlo accedendo al nodo “Updates and Servicing” della console di SCCM. Sarà inoltre rilasciato un ulteriore aggiornamento nelle prossime settimana per chi ha effettuato l’update di SCCM alla versione 1706 prima dell’8 agosto.
  • Rilasciata la versione 1708 per il branch Technical Preview di System Center Configuration Manager: Update 1708 for Configuration Manager Technical Preview Branch – Available Now!. Vi ricordo che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM ed è consigliato applicare questi aggiornamenti solo in ambienti di test.

System Center Operations Manager

In seguito le novità relative ai Management Pack di SCOM 2016:

  • Advanced Threat Analytics 1.7 Management Pack versione 1.7.1.1.
  • Service Map Management Pack in public preview: grazie a questo nuovo MP è possibile integrare le mappe create dinamicamente dalla soluzione Service Map di OMS con i diagrammi delle Distributed Application di Operations Manager per fare in modo che quest’ultimi vengano generati e mantenuti in modo dinamico.

Per maggiori informazioni vi invito a consultare la relativa documentazione disponibile online.

Figura 5 – Integrazione tra le Service Map di OMS e le Distributed App di SCOM
  • Disponibile una hotfix per risolvere alcune problematiche relative al monitor WMI health.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea triennale in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione “Microsoft Certified Systems Engineer”. Presso l’azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell’infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider.

Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione “Microsoft Certified IT Professional – Enterprise Administrator” (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di “Microsoft Certified Trainer” (MCT).

A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione “Cloud and Datacenter Management”.