OMS e System Center: novità di Settembre 2017

Anche il mese di settembre è stato ricco di novità e diversi aggiornamenti hanno interessato Operations Management Suite (OMS) e System Center, complice anche Ignite 2017, la conferenza annuale Microsoft in scena questa settimana a Orlando. In questo articolo ci sarà un riepilogo accompagnato da riferimenti utili per effettuare ulteriori approfondimenti.

Operations Management Suite (OMS)

  • Ai clienti OMS che utilizzano la solution Security & Compliance gli viene fornita la possibilità di utilizzare le funzionalità presenti nell’Azure Security Center in modo da poter avere una gestione unificata della security e della protezione dei propri sistemi, il tutto senza costi aggiuntivi. Questo risulta particolarmente utile per poter gestire in modo trasversale ambienti ibridi, indipendentemente da dove risiedano i propri workload, su Azure, on-premises, oppure su altri cloud pubblici. All’interno dell’Azure Security Center verrà in automatico gestita la security dei sistemi già connessi alla solution OMS Security & Compliance e sarà possibile aggiungere ulteriori macchine semplicemente installando il Microsoft Monitoring Agent. Per consultare i dettagli delle funzionalità offerte vi invito a consultare la pubblicazione OMS customers can now use Azure Security Center to protect their hybrid cloud workloads. A tal proposito è bene precisare che per abilitare le funzionalità just in time VM access, dynamic application controls e network threat detection per le risorse Azure è necessario selezionare il pricing tier Security Center Standard per la Subscription o per il Resource Group che le contiene.
Figura 1 – Elenco delle funzionalità per la protezione di ambienti ibridi
  • All’interno del portale Azure vengono incluse due funzionalità relative a Operations Management Suite (OMS): Workspace Settings e View Designer. Dal portale Azure sarà infatti possibile accedere alle impostazioni del workspace OMS come mostrato dalla figura seguente:

    Figura 2 – Impostazioni del Workspace OMS accessibili dal portale Azure

Inoltre anche il View Designer, che consente di creare delle viste personalizzate, è ora accessibile direttamente dalla sezione Log Analytics del portale Azure:

Figura 3 – View Designer disponibile direttamente dal portale Azure
  • Come già annunciato in un articolo dedicato l’aggiornamento di Log Analytics ha introdotto un nuovo e potente linguaggio per la creazione delle query. In questo utile articolo vengono messe in evidenza le principali novità introdotte dal nuovo linguaggio.
  • Un’altra interessante novità è la possibilità di effettuare query non solo sul singolo workspace OMS, ma in modo trasversale su più workspace. Per approfondimenti in merito è possibile consultare l’articolo Query across resources.
  • L’articolo Monitoring Azure SQL Data Sync using OMS Log Analytics riporta la configurazione da effettuare per poter monitorare la soluzione Azure SQL Data Sync tramite una custom solution di OMS. Azure SQL Data Sync consente di sincronizzare i dati in modo bidirezionale oppure unidirezionale tra differenti Azure SQL database e\o verso SQL database nel mondo on-premises. Grazie a questa procedura è possibile rilevare condizioni di errore o warning nel processo di sincronizzazione in modo semplice, grazie a OMS.
  • Per consentire di monitorare al meglio application Big Data che coinvolgono differenti tecnologie è stata annunciata in preview la possibilità di fare il monitor con Azure Log Analytics di cluster HDInsight. In questo video vengono riportati i dettagli di come i clienti HDInsight possano monitorare ed effettuare il debug di Hadoop, Spark, HBase, Kafka, Interactive Query e cluster Storm.

Solutions

  • In OMS è disponibile la nuova solution Virtual Machine Manager (VMM) Analytics che consente di centralizzare in Log Analytics i job di una o più istanze di Virtual Machine Manager per avere una visione globale dello stato di salute e delle performance dell’infrastruttura di virtualizzazione gestita da System Center Virtual Machine Manager.
Figura 4 – Overview della solution VMM Analytics

Agente

  • Rilasciata una nuova versione dell’agente OMS per sistemi Linux che principalmente ha risolto alcuni bug e ha introdotto una versione aggiornata di alcuni dei principali componenti. Per maggiori dettagli e per ottenere la versione aggiornata consultare la pagina ufficiale GitHub OMS Agent for Linux GA v1.4.1-45
Figura 5 – Elenco Bug Fix e novità del nuovo agente OMS per Linux

 

System Center

System Center Configuration Manager

  • Rilasciata la Cumulative Update 6 per il client UNIX e Linux di Configuration Manager. Si tratta di una nuova versione del client che risolve numerosi bug e introduce il supporto per nuove distribuzioni Linux. In questa versione è stato inoltre rimosso il supporto per distribuzioni obsolete di Unix e Linux non più supportate nemmeno dai vendor. I clienti che utilizzano il client SCCM con queste versioni possono continuare ad utilizzare il client aggiornato alla Cumulative Update 5. L’annuncio del rilascio e ulteriori dettagli sono disponibili in questo articolo.
  • Durante Ignite 2017 è stata annunciata una interessante funzionalità chiamata co-management che riguarda la gestione dei device utilizzando sia System Center Configuration Manager che Microsoft Intune. Con Windows 10 Fall Creators Update c’è la possibilità di fare il join del device contemporaneamente sia al dominio Active Directory (AD) on-premises che ad Azure AD nel cloud. Questo consente di ampliare le possibilità di management dei dispositivi utilizzando sia l’agente di Configuration Manager che il cliente MDM di Intune. Per approfondire questo argomento è possibile guardare nella sezione video del sito di Ignite le sessioni con i seguenti codici di riferimento: BRK3057, BRK3075, BRK3076 e BRK2079.
Figura 7 – Co-management dei dispositivi con SCCM e Intune

 

System Center Updates Publisher

Accedendo a questa pagina è possibile selezionare la modalità che si ritiene più idonea per testare e valutare in modo gratuito Operations Management Suite (OMS).

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione “Microsoft Certified Systems Engineer”. Presso l’azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell’infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider.

Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione “Microsoft Certified IT Professional – Enterprise Administrator” (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di “Microsoft Certified Trainer” (MCT).

A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione “Cloud and Datacenter Management”.