OMS Log Analytics: come collezionare i job di Virtual Machine Manager

In OMS è disponibile la nuova solution Virtual Machine Manager (VMM) Analytics che consente di centralizzare in Log Analytics i job di una o più istanze di Virtual Machine Manager per avere una visione globale di tutte le attività svolte tramite VMM sull’infrastruttura di virtualizzazione.

In questo articolo vedremo come abilitare e configurare questa nuova solution in modo da poter utilizzare gli strumenti di una piattaforma versatile quale OMS per diagnosticare con maggiore facilità eventuali problemi relativi alle attività svolte sugli host di virtualizzazione e sulle macchine virtuali tramite Virtual Machine Manager. Inoltre grazie alle potenzialità del linguaggio per la creazione di query presente in OMS è possibile cercare e mettere in correlazioni i dati raccolti anche da altre solution di OMS in modo semplice e funzionale. Da non trascurare anche la possibilità di implementare task automatici tramite runbook di Azure Automation per la risoluzione di eventuali problematiche.

Per poter implementare la solution Virtual Machine Manager (VMM) Analytics sono necessari i seguenti requisiti:

  • Subscription Azure.
  • Workspace OMS dove fare il deployment della solution.
  • Azure Automation Account con la presenza del ruolo Hybrid Worker in grado di comunicare con Virtual Machine Manager.
  • Credenziali con permessi di lettura sui server VMM dai quali si vogliono raccogliere le informazioni.

Si tratta di una solution open-source che può essere inclusa nel workspace di OMS tramite la seguente procedura.

Come prima cosa è necessario accedere al portale Azure e selezionare la subscription che contiene il workspace OMS sul quale si vuole aggiungere la solution. Per avviare il deployment della solution è sufficiente accedere alla relativa pagina GitHub e premere il pulsante Deploy to Azure. In automatico compare il template che richiede l’inserimento dei seguenti parametri:

Figura 1 – Parametri richiesti dal template della solution

Il template della solution richiede di selezionare, oltre alle informazioni di base quali il nome della Subscription Azure e il Resource Group, il nome e la region del Workspace OMS sul quale verrà effettuato il deployment della solution. Inoltre vengono richieste le informazioni relative all’Automation Account che conterrà tutto il necessario per l’esecuzione delle automazioni che consentono alla solution di recuperare le informazioni relative al sistema Virtual Machine Manager, il cui nome viene specificato come ultimo parametro.

Al termine del deployment della solution all’interno dell’Automation Account specificato sarà creato in automatico il runbook chiamato vmmanalytics, grazie al quale viene effettuato l’import in Log Analytics dei job di VMM.

Figura 2 – Runbook utilizzato dalla solution Virtual Machine Manager (VMM) Analytics

A questo punto è necessario impostare la variabile lastRunTime presente nella sezione Assets con una stringa espressa nel formato “yyyy-MM-ddTHH:mm:ss.fffffffZ“. Questa variabile specifica il momento a partire dal quale il runbook inizierà a recuperare i job eseguiti da VMM. Ad ogni esecuzione del runbook questa variabile viene aggiornata in automatico. Come si può notare dall’immagine seguente sono presenti anche altre variabili già valorizzate in automatico dal processo di deployment della solution:

Figura 3 – Variabili utilizzate dal runbook della solution

Inoltre è necessario specificare delle credenziali con i permessi opportuni per la lettura dei job dall’istanza di Virtual Machine Manager:

Figura 4 – Credenziali necessarie per il recupero dei job di VMM

Il runbook vmmanalytics può essere eseguito manualmente, ma per importare in modo automatico e ricorrente i job di VMM in Log Analytics è possibile creare una schedulazione specifica in base alle proprie esigenze:

Figura 5 – Creazione della schedulazione

In seguito è necessario associare la schedulazione creata al runbook vmmanalytics ed impostare quale Hybrid Worker utilizzare per contattare l’istanza Virtual Machine Manager.

Figura 6 – Schedulazione e parametri di esecuzione del Runbook

Dopo aver completato con successo la prima esecuzione del Runbook, utilizzando il portale OMS è possibile accedere alla solution Virtual Machine Manager Analytics che comprende una serie di report utili per visualizzare in modo semplice e intuitivo i dati raccolti dalle istanze di Virtual Machine Manager.

Figura 7 – Overview della solution VMM Analytics

Nella dashboard della solution è anche possibile definire il time range per filtrare con maggiore precisione e in base alle proprie esigenze i job raccolti da Virtual Machine Manager.

Figura 8 – Definizione del Time Range

Conclusioni

Grazie a questa nuova solution vengono messe a disposizione degli amministratori di VMM le potenzialità della piattaforma OMS. Il tutto è molto utile perché si possono ipotizzare scenari dove vengono fatti confluire in un singolo workspace di OMS job provenienti da più istanze di Virtual Machine Manager. Si possono eventualmente configurare alert OMS per notificare gruppi di lavoro sullo stato di esecuzione dei job eseguiti utilizzando VMM e intraprendere operazioni di remediation a fronte di problemi. Inoltre mettendo in correlazione i job collezionati con questa solution con le informazioni proveniente da altre solution OMS come Capacity and Performance e Change Tracking si possono semplificare le attività di troubleshooting potendo identificare con maggiore facilità le cause di eventuali problematiche. Virtual Machine Manager (VMM) Analytics è una soluzione open-source quindi è possibile contribuire al suo sviluppo accedendo direttamente alla relativa pagina GitHub.

Per testare e valutare in modo gratuito Operations Management Suite (OMS) è possibile accedere a questa pagina e selezionare la modalità che si ritiene più idonea per le proprie esigenze.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione “Microsoft Certified Systems Engineer”. Presso l’azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell’infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider.

Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione “Microsoft Certified IT Professional – Enterprise Administrator” (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di “Microsoft Certified Trainer” (MCT).

A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione “Cloud and Datacenter Management”.