Azure Backup: la protezione del System State nel cloud

Recentemente è stata inclusa la possibilità di proteggere il System State delle macchine Windows Server direttamente in Azure utilizzando l’Azure Backup Agent. Questa funzionalità è stata in preview per alcuni mesi ed ora è disponibile per essere utilizzata in ambienti di produzione. In questo articolo verrà mostrato come è possibile proteggere con Azure Backup il System State delle macchine, analizzando le caratteristiche e riportando i vantaggi introdotti da questa nuova funzionalità.

L’Azure Backup Agent consente di salvare file, cartelle e grazie all’inclusione del System State vengono contemplati nella protezione delle macchine Windows Server anche i seguenti componenti:

  • File di Boot, inclusi file di sistema, e tutti i file protetti da Windows File Protection (WFP).
  • Active Directory e Sysvol (sui sistemi domain controller).
  • Il registry.
  • Metabase di IIS (sulle macchine Web Server IIS): include le configurazioni di IIS e i web site ospitati dal web server.
  • Cluster database (sui nodi del cluster).
  • Certificate Services (sulle certification authority).
  • Informazioni relative ai Performance counter.
  • Component Services Class registration database.

Grazie all’inclusione del System State l’utilizzo di Azure Backup diventa ideale anche per adottare strategie di protezione di Active Directory, File Server e Web Server IIS.

Figura 1 – Protezione del System State in Azure

Questa soluzione è supportata a partire da Windows Server 2008 R2 fino a Windows Server 2016.

Per attivare questo tipo di protezione è necessario creare all’interno della subscription Azure un Recovery Service Vault, installare l’Azure Backup Agent sulla macchina Windows Server ed effettuare la relativa registrazione seguendo gli step riportati nello schema seguente:

Figura 2 – Step di attivazione della protezione con Azure Backup

Accedendo al portale Azure e selezionando il Recovery Service Vault, all’interno del quale si vuole includere la protezione, nella sezione Backup compare la possibilità di proteggere il System State per workload in esecuzione On-Premises:

Figura 3 – Selezione del System State come componente da proteggere

Selezionando il pulsante “Prepare Infrastructure” vengono elencati gli step necessari per proteggere il System State delle macchine:

Figura 4 – Step di preparazione dell’infrastruttura

Dal pannello sopra riportato è necessario scaricare il setup di installazione del Recovery Service Agent e le credenziali del vault.

L’installazione dell’agente (MARSAgentInstaller.exe) è molto rapida e prevede i seguenti passaggi:

Figura 5 – Selezione della folder di installazione e della location della cache

Nella location della cache è bene prevedere come spazio libero almeno il 5% dei dati protetti.

Figura 6 – Configurazione di un eventuale sistema proxy per accedere a Internet
Figura 7 – Check dei requisiti e installazione
Figura 8 – Avvio del processo di registrazione al Recovery Service Vault
Figura 9 – Selezione delle credenziali di accesso al vault
Figura 10 – Generazione e salvataggio della Passphrase

La Passphrase viene utilizzata per criptare e decriptare i backup, non viene mai inviata verso Azure, non è recuperabile in alcun modo dal personale di supporto Microsoft ed è indispensabile per poter eseguire operazioni di restore, quindi è necessario mantenerla con estrema attenzione.

Figura 11 – Registrazione completata con successo

Dalla console di Microsoft Azure Backup è possibile schedulare un backup e per i sistemi server è disponibile nella selezione degli items da proteggere il System State:

Figura 12 – Selezione della protezione del System State
Figura 13 – Impostazioni sulla frequenza del backup
Figura 14 – Definizione delle regole di retention
Figura 15 – Step finale di attivazione del backup del System State

La protezione del System State può essere anche automatizzata grazie al supporto per PowerShell. Si ha inoltre la possibilità di consultare facilmente l’esecuzione dei job di backup in modo centralizzato direttamente dal portale Azure ed è possibile configurare delle notifiche per essere avvisati in caso di fallimento dei job di protezione.

L’offsite dei backup è garantito utilizzando questa soluzione senza dover investire in costi di infrastruttura e risparmiando tempo nelle attività operative. Inoltre è bene tenere in considerazione che i costi per questa soluzione sono davvero vantaggiosi, infatti tipicamente il System State delle machine come dimensione è nettamente inferiore ai 50 GB quindi la protezione del System State a livello di pricing ricade nella fascia di costo più bassa prevista per le istanze protette con Azure Backup. Per maggiori dettagli in merito al costo della soluzione è possibile consultare la pagina sui costi di Azure Backup. Non è inoltre previsto nessun costo per eventuali operazioni di restore.

Conclusioni

Il System State per le macchine Windows Server è un componente critico che è opportuno salvare per avere una adeguata ed efficace strategia di protezione della propria infrastruttura. Azure Backup grazie al suo approccio definito cloud-first estende le proprie potenzialità consentendo di proteggere anche il System State delle macchine in modo semplice, sicuro e con costi irrisori. Per provare Azure Backup ed altri servizi di Azure è possibile creare un Azure free Account.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione “Microsoft Certified Systems Engineer”. Presso l’azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell’infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider.

Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione “Microsoft Certified IT Professional – Enterprise Administrator” (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di “Microsoft Certified Trainer” (MCT).

A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione “Cloud and Datacenter Management”.