System Center 2016: l’upgrade di Virtual Machine Manager in alta disponibilità

In determinati ambienti System Center Virtual Machine Manager (SCVMM) ricopre un ruolo fondamentale all’interno della propria infrastruttura, al punto da necessitare una configurazione in alta disponibilità. Questo avviene in particolare presso infrastrutture di grandi dimensioni che ospitano un numero elevato di macchine virtuali, come ad esempio i Service Provider, dove Virtual Machine Manager viene utilizzato in modo intensivo per svolgere differenti attività di gestione del proprio datacenter virtuale e per erogare servizi. Grazie anche alle nuove funzionalità offerte da Windows Server 2016 è possibile affrontare l’aggiornamento di implementazioni in alta disponibilità di SCVMM minimizzando i fermi del servizio. In questo articolo verrà esaminata la procedura da eseguire per effettuare l’upgrade a Virtual Machine Manager 2016 in una implementazione in alta disponibilità.

Un requisito necessario per procedere con questa attività è che Virtual Machine Manager 2012 R2 sia aggiornato con almeno l’update rollup 9. Inoltre è importante accertarsi che il database di SCVMM sia ospitato su una istanza SQL Server di una versione supportata anche da SCVMM 2016. Prima di iniziare l’attività è fondamentale svolgere le operazioni citate nella sezione specifica della documentazione ufficiale Microsoft, in particolare è opportuno accertarsi di avere a disposizione un backup del database di SCVMM.

A questo punto è possibile seguire gli step riportati in seguito che, basandosi anche sulla funzionalità di Cluster Operating System Rolling Upgrade, consentono di aggiornare l’implementazione di SCVMM 2012 R2 minimizzando il fermo del servizio per il solo tempo necessario di un failover e consentendo di effettuare anche il passaggio a Windows Server 2016 dei vari nodi del cluster.

La procedura prevede inizialmente di aggiungere al cluster esistente che ospita Virtual Machine Manager e con nodi basati su sistema operativo Windows Server 2012 R2, un numero uguale di nodi Windows Server 2016.

Figura 1 – Aggiunta nodi del cluster
Figura 2 – Selezione dei server da aggiungere all’ambiente cluster
Figura 3 – Conferma dei nodi da aggiungere al cluster
Figura 4 – Aggiunta dei nodi completata con successo

Da questo momento il cluster entrerà in modalità Mixed Mode con nodi sia Windows Server 2012 R2 che nodi Windows Server 2016 e continuerà comunque ad erogare il servizio di SCVMM.

Figura 5 – Cluster composto da nodi Windows Server 2012 R2 e da nodi Windows Server 2016

Sui nodi Windows Server 2016 è necessario installare il componente Assessment and Deployment kit (ADK) di Windows 10 e procedere con l’installazione di Virtual Machine Manager 2016. L’installazione potrà avvenire anche su Windows Server 2016 senza la desktop experience, ammesso che non sia necessario configurare sullo stesso sistema la Library di SCVMM e che non sia necessaria l’integrazione con Operations Manager, in quanto richiede la presenza della console di SCOM che non è supportata nella modalità core.

Figura 6 – Setup di Virtual Machine Manager 2016 in ambiente Windows Server 2016 (core)

Il setup rileva in automatico la presenza dell’ambiente SCVMM in alta disponibilità e richiede di aggiungere il nuovo server SCVMM come nodo dell’attuale installazione.

Figura 7 – Rilevazione dell’ambiente in HA
Figura 8 – Selezione delle funzionalità da installare

Successivamente vengono richieste le informazioni utili per la registrazione del prodotto (Name, Organization e Product Key) ed è necessario accettare il license agreement. Proseguendo con il setup viene richiesto quanto segue:

Figura 9 – Selezione delle impostazioni relative all’aggiornamento di SCVMM tramite Windows Update
Figura 10 – Percorso di installazione di SCVMM

Il check dei prerequisiti controlla se l’ambiente è idoneo per ospitare l’installazione di SCVMM e riporta eventuali condizioni di warning o di errore:

Figura 11 – Check dei prerequisiti

La SQL Server command line utilities è richiesta per le SQL Server data-tier apps presenti nella Fabric di SCVMM.

La configurazione relativa al database viene rilevata in automatico, non è possibile editarla e il setup richiede l’upgrade del database di SCVMM riconoscendo che si tratta di una DB relativo alla versione precedente di SCVMM:

Figura 12 – Configurazione per l’accesso al database di SCVMM e notifica di upgrade

Successivamente viene richiesto di inserire la password dell’account di servizio di SCVMM, il quale deve essere amministratore della macchina dove si sta effettuando l’installazione:

Figura 13 – Configurazione Service Account e Distributed Key Management

Anche le porte utilizzate dalle differenti features di SCVMM vengono ereditate dall’attuale installazione e non è consentito modificarle durante il setup:

Figura 14 – Riepilogo non editabile delle porte utilizzate dal Management Server

Durante il setup di un ambiente Virtual Machine Manager in alta disponibilità non è possibile specificare le impostazioni relative alla Library, ma è necessario occuparsene al termine dell’installazione.

Figura 15 – Impostazioni Library non disponibili

A questo punto il setup mostra un compatibility report dove vengono evidenziati alcuni aspetti da tenere in considerazione riguardanti il processo di installazione:

Figura 16 – Upgrade compatibility report

Come ultimo step viene mostrato un summary delle scelte effettuate ed è possibile avviare il processo di installazione:

Figura 17 – Riepilogo delle scelte di installazione
Figura 18 – Setup completato con successo

Al termine dell’installazione è consigliato installare l’ultimo Update Rollup disponibile di System Center Virtual Machine Manager.

Concluso questo setup su tutti i nuovi nodi del cluster che si intende aggiungere è possibile effettuare il failover del servizio SCVMM verso uno dei nodi aggiornati. Dopo essersi accertati del corretto funzionamento dell’istanza di Virtual Machine Manager 2016 è possibile procedere con la rimozione dei nodi con SCVMM 2012 R2 e alla relativa disinstallazione:

Figura 19 – Evict dei nodi con l’installazione di SCVMM 2012 R2

In seguito è opportuno adeguare se necessario la configurazione relativa al Quorum dell’ambiente cluster e validare la configurazione tramite il Cluster Validation Wizard. Solo quando si ha la certezza che l’ambiente è in una condizione di stabilità definitiva procedere all’aggiornamento del Functional Level del cluster tramite il cmdlet Powershell Update-ClusterFunctionalLevel (operazione non reversibile).

Per concludere è opportuno valutare lo svolgimento delle seguenti operazioni:

  • Aggiornamento di tutti gli agenti di SCVMM.
  • Nel caso nel deployment di SCVMM 2012 R2 fosse integrato Azure Site Recovery è necessario ripetere completamente l’installazione e la relativa configurazione.
  • Configurare l’eventuale integrazione con Operations Manager. A questo proposito è opportuno ricordare che i componenti System Center devono rispettare un ordine ben preciso nel processo di aggiornamento e che SCOM richiede di essere aggiornato prima rispetto a SCVMM.
  • Rimozione e aggiunta dei driver packages alla Library di SCVMM per consentire di completare in modo corretto il processo di discovery.
  • Nel caso sia presente un server PXE nella Fabric di SCVMM è necessario rimuoverlo e aggiungerlo di nuovo per rinnovare i certificati utilizzati dal ruolo.
Figura 20 – Rimozione dei sistemi con ruolo di PXE Server
Figura 21 – Aggiunta dei sistemi con ruolo di PXE Server

 

Conclusioni

Il processo di aggiornamento di Virtual Machine Manager in alta disponibilità richiede di essere approcciato con la massima attenzione vista la probabile criticità del servizio, ma il percorso di upgrade previsto è semplice e grazie anche alla funzionalità di Cluster Operating System Rolling Upgrade introdotta in Windows Server 2016 è possibile effettuare l’aggiornamento dell’intero ambiente contemplando anche l’aggiornamento del sistema operativo dei nodi che ospitano SCVMM, con un fermo breve dato dalla sola attività di failover.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione “Microsoft Certified Systems Engineer”. Presso l’azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell’infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider.

Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione “Microsoft Certified IT Professional – Enterprise Administrator” (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di “Microsoft Certified Trainer” (MCT).

A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione “Cloud and Datacenter Management”.