Integrazione tra System Center Operations Manager e OMS Log Analytics

Per coloro che utilizzano System Center Operations Manager (SCOM) c’è la possibilità di estendere le funzionalità del prodotto abilitando l’integrazione con Log Analytics. Questo consente di beneficiare delle potenzialità di OMS per ottenere una strategia di monitor della propria infrastruttura sempre più efficiente e completa. In questo articolo si analizzerà la procedura da seguire per abilitare questa integrazione e verrà analizzato il funzionamento dell’architettura.

Prima di abilitare questo tipo di integrazione è necessario verificare di disporre di una tra le seguenti versioni di SCOM supportate:

  • Operations Manager 2016.
  • Operations Manager 2012 R2 UR2 o superiore.
  • Operations Manager 2012 SP1 UR6 o superiore.

Inoltre è opportuno consentire il traffico in uscita, verso i servizi cloud di OMS, proveniente dagli agenti di monitor, dai Management Server e dalla console di SCOM in modo diretto oppure tramite un OMS Gateway.

Il processo di integrazione viene fatto utilizzando la console di Operations Manager secondo pochi e semplici passaggi in seguito riportati:

Figura 1 – Avvio del processo di registrazione
Figura 2 – Selezione dell’environment OMS
Figura 3 – Avvio del processo di autenticazione
Figura 4 – Selezione del workspace OMS che si intende integrare in SCOM
Figura 5 – Schermata di conferma delle impostazioni
Figura 6 – Conferma conclusiva

Al termine di questa configurazione viene stabilita la connessione verso il workspace OMS, ma nessun dato degli agenti SCOM connessi al management group di SCOM viene inviato a Log Analytics. Per fare in modo di collezionare i dati degli agenti gestiti da Operations Manager in Log Analytics è necessario procedere in modo selettivo andando a specificare i singoli computer objects oppure un gruppo che contiene i Windows computer objects. Il tutto può essere svolto direttamente dal ramo Connection nella sezione Operations Management Suite:

Figura 7 – Selezione dei computer objects da abilitare

Al termine di questa operazione nel portale OMS è possibile verificare lo stato di connessione del proprio Management Group e il numero di sistemi server connessi:

Figura 8 – Informazioni riportate nel portale OMS in seguito all’integrazione

Dalla console di SCOM è possibile verificare lo stato della connessione a OMS navigando nella sezione Operations Management Suite\Health State del workspace Monitoring:

Figura 9 – Proprietà Authentication service URI valorizzata nell’Health state del Management Server

Dopo aver stabilito la connessione tra la propria infrastruttura SCOM e il workspace OMS, il Management Server inizia a ricevere aggiornamenti della configurazione dai web service di OMS sotto forma di Management Pack, che comprendono sia i MPs base che quelli relativi alle solution che sono state abilitate. Operations Manager effettua dei controlli a intervalli regolari per verificare la presenza di aggiornamenti per questi Management Pack. Tale comportamento è governato da queste rule di SCOM:

  • SystemCenter.Advisor.MPUpdate: gestisce l’aggiornamento dei MPs base di OMS e di default viene eseguita ogni 12 ore.
  • SystemCenter.Advisor.Core.GetIntelligencePacksRule: effettua l’aggiornamento dei MPs relativi alle solution OMS abilitate nel workspace connesso e di default viene eseguita ogni cinque minuti.

Tale comportamento è possibile gestirlo andando a modificare la frequenza oppure disabilitando completamente gli aggiornamenti (parametro Enabled) configurando degli override delle rule sopra riportate.

Accedendo al workspace Administration e filtrando i Management Pack per Advisor oppure Intelligence verranno elencati i MPs scaricati e installati in base alle solution abilitate nel proprio workspace OMS:

Figura 10 – Elenco Management Pack con nome che contiene “Advisor”
Figura 11 – Elenco Management Pack con nome che contiene “Intelligence”
Figura 12 – Elenco delle Solution installate nel Workspace OMS

Come si può notare per ogni Solution OMS installata esiste il corrispondete Management Pack importato nell’infrastruttura Operations Manager.

Al termine di questa configurazione gli agenti di monitor abilitati anche alla comunicazione con il workspace OMS possono inviare i dati richiesti dalla solution direttamente al web service di OMS oppure i dati delle solution possono essere inviati direttamente dal Management Server di SCOM verso il workspace OMS connesso. Il tutto dipende dalla solution abilitata e in nessun caso queste informazioni vengono salvate all’interno dei database di Operations Manager (OperationsManager e OperationsManagerDW). In caso di perdita di connettività del Management Server con il web service di OMS i dati vengono mantenuti localmente in cache finché non viene ristabilita la comunicazione. Nel caso in cui il Management Server rimanga offline per un periodo prolungato la comunicazione verso OMS può essere ripresa da altri Management Server presenti all’interno dello stesso Managemen Group.

Figura 13 – Diagramma con le comunicazioni tra i componenti dell’infrastruttura SCOM e OMS

Al fine di controllare e regolare al meglio le connessioni internet dei sistemi monitorati e dei Management Server verso gli URL pubblici di OMS è possibile implementare un OMS Gateway:

Figura 14 – Comunicazioni tra i componenti dell’infrastruttura SCOM e OMS in presenza di un OMS Gateway

In questo modo l’unico sistema che deve essere abilitato ad accedere agli URL pubblici di Operations Management Suite è l’OMS Gateway e tutti gli altri sistemi punteranno a questa macchina. Per rendere effettiva questo tipo di configurazione è necessario, dopo aver implementato il sistema con questo ruolo, specificare nell’utilizzo del proxy server l’indirizzo IP dell’OMS Gateway con prefisso http://.

Figura 15 – Configurazione del Proxy Server utilizzato per accedere ai servizi cloud di OMS
Figura 16 – Inserimento dell’Indirizzo IP dell’OMS Gateway con prefisso http://

Nel caso si desideri abilitare solamente alcuni sistemi all’utilizzo dell’OMS Gateway è necessario andare ad agire sulla rule Advisor Proxy Setting Rule e creare un Override per l’health service object andando a popolare il parametro WebProxyAddress con l’URL dell’OMS Gateway.

Conclusioni

Microsoft Operations Management Suite (OMS) è una soluzione interamente basata sul cloud, in constante evoluzione e con nuove funzionalità che vengono aggiunte ed estese in rapida frequenza. Grazie a questa integrazione è quindi possibile affiancare la velocità e l’efficienza intrinseca in OMS nel collezionare, detenere e analizzare i dati, alle potenzialità di Operations Manager. Questo consente di continuare ad utilizzare l’infrastruttura SCOM esistente per monitorare il proprio ambiente, mantenendo eventuali integrazioni con soluzioni di IT Service Management (ITSM) e di beneficiare contemporaneamente anche delle potenzialità offerte da Microsoft Operations Management Suite (OMS).

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant, è referente dell'area "Hybrid Fabric" e gestisce un team di persone che si occupa dei seguenti ambiti: - Progettazione e implementazione di sistemi di virtualizzazione on-premises (Hyper-V e VMware). - Microsoft Azure ed Amazon Web Services (AWS) IaaS. - Scenari di Disaster Recovery. - Strumenti di gestione dell'ambiente di virtualizzazione. - Hardware: server e storage. - File Services. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Diversi i progetti che lo hanno visto impegnato nel design di architetture Microsoft Cloud OS presso Service Provider italiani. Dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). Dal 2016 è stato docente di numerosi corsi ufficiali Microsoft riguardati Microsoft Azure. Nel 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management" per la condivisione della propria expertise tecnica e per l’impegno profuso verso le community e con Microsoft.