Virtual Machine Manager 1801: il processo di upgrade e la possibile problematica

A partire da quest’anno per Virtual Machine Manager, così come per altri prodotti System Center, verrà rilasciata una versione aggiornata ogni 6 mesi (semi-annual channel). Nel mese di febbraio è stata annunciata la versione 1801 di System Center Virtual Machine Manager e l’aggiornamento è consigliato per poter usufruire delle nuove funzionalità introdotte e per avere una maggiore integrazione con Microsoft Azure. In questo articolo viene descritta una problematica che è possibile riscontrare in fase di upgrade, riportando nel dettaglio le cause e come è possibile risolverla.

Per poter passare alla versione 1801 di System Center Virtual Machine Manager (SCVMM 1801) non è possibile fare un upgrade in place, ma è necessario disinstallare completamente SCVMM mantenendo il database, ed effettuare una nuova installazione utilizzando il database esistente. La procedura dettagliata è descritta in questo documento Microsoft e richiede una attenta verifica preliminare dei requisiti oltre che di disporre, a fini precauzionali, di un backup del database di SCVMM. Nel caso si stiano utilizzando più prodotti System Center è importante procedere con l’aggiornamento secondo la sequenza riportata nel documento.

Figura 1 – Step del Wizard di installazione con utilizzo del DB esistente di VMM

Durante il setup l’installazione di Virtual Machine Manager 1801 potrebbe fallire con il seguente errore: “Unable to connect to the VMM database because of a general database failure. Ensure that the SQL Server is running and configured correctly, then try the operation againg“.

Figura 2 – Errore in fase di upgrade alla versione 1801

Come si può notare si tratta di un errore generico e per ottenere maggiori dettagli è necessario consultare il log del Wizard (“C:\ProgramData\VMMLogs\SetupWizard.log“) che riporta i seguenti dettagli:

Figura 3 – Errore riportato nel log di installazione

L’errore rimanda a una problematica nota documentata nelle release notes di VMM 1801:

Figura 4 –  Problema noto documentato

Il problema viene generato se nell’attuale installazione di Virtual Machine Manager è stato modificato il nome di una delle port classification presenti di default. Nel caso specifico, controllando la tabella “[dbo].[tbl_NetMan_PortClassification]” del database di Virtual Machine Manager, risulta presente una entry, con l’ID riportato nell’errore, avente il nome “Management” anziché “Host management” (nome di default).

Figura 5 –  Entry con nome non di default nella tabella “tbl_NetMan_PortClassification”

La difficoltà quando si presenta questo errore è nel conoscere con precisione quali sono i nomi di default delle port classification. Per questo motivo si riportano in seguito le default port classification che è necessario che non siano modificate nel nome per consentire l’upgrade a SCVMM 1801.

Figura 6 – Port classification presenti di default

Se ci si trova in questa condizione è necessario modificare i nomi delle port classification, sopra riportate, portandoli tutti al default ed in seguito ripetere il setup di installazione di SCVMM 1801.

Al termine di questa operazione il setup di SCVMM 1801 non terminerà con l’errore precedentemente descritto.

Figura 7 – Upgrade di SCVMM 1801 completato con successo

La modifica alle port classification può essere temporanea e in seguito all’aggiornamento è possibile valutare se necessario di nominarle a proprio piacimento.

Conclusioni

Questa specifica condizione di errore si presenta in modo sistematico se ci si trova nella situazione descritta, quindi è bene considerarla se possibile prima di procedere con l’upgrade di SCVMM 1801, in modo da evitarla. Nel caso si dovesse riscontrare l’errore è comunque possibile risolverlo facilmente con le informazioni riportate nell’articolo.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant e si occupa in particolare di virtualizzazione, gestione, sicurezza e protezione dell'infrastruttura. Segue inoltre la progettazione e l’implementazione di architetture cloud in particolare per i Service Provider. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Nel 2009 ottiene la certificazione "Microsoft Certified IT Professional - Enterprise Administrator" (MCITP) e dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). A Ottobre 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management".