L’estensione degli Alerts di Log Analytics in Azure Monitor

Poter usufruire di un servizio centralizzato ed efficace per la gestione degli Alerts della propria infrastruttura è sicuramente un aspetto importante e fondamentale nella strategia di monitor. A questo scopo Microsoft ha introdotto una nuova experience nella gestione degli Alerts tramite la soluzione Azure Monitor. In questo articolo verrà presentato come evolverà la gestione degli Alerts in Log Analytics e quali sono i benefici introdotti da questo cambiamento.

In Log Analytics c’è la possibilità di generare degli Alerts quando, a fronte di una ricerca che avviene con frequenza schedulata nel repository di OMS, si ottengono dei risultati che fanno match con i criteri stabiliti. Nel momento in cui viene generato un Alert in Log Analytics si possono configurare le seguenti azioni:

  • Notifica via email.
  • Invocazione di un webhook.
  • Esecuzione di un runbook di Azure Automation.
  • Attività di IT Service Management (richiede la presenza del connettore per la solution ITSM).
Figura 1 – Alerts in Log Analytics

Fino ad oggi questo tipo di configurazione è stata gestita dal portale OMS.

Azure Monitor è un servizio che oltre a consente di monitorare tutte le risorse Azure borne, detiene l’engine di “alerting” per l’intera piattaforma cloud. Accedendo al servizio dal portale Azure si avranno infatti a disposizione, in una unica location, tutti gli Alerts della propria infrastruttura, provenienti da Azure Monitor, Log Analytics, e Application Insights. Si potrà quindi usufruire di una experience unificata sia per quanto riguarda la consultazione degli Alerts che per il relativo authoring.

Allo stato attuale gli Alerts creati in Log Analytics vengono già riportati nella dashboard di Azure Monitor, ma l’eventuale modifica comporta l’accesso al portale OMS. Per agevolare questa gestione Microsoft ha quindi deciso di estendere gli Alerts presenti in Log Analytics dal portale OMS verso il portale Azure. Questo processo avverrà in modo automatico a partire dal 23 Aprile 2018, non comporterà nessun tipo di modifica alla configurazione degli Alerts e delle relative query, e non prevede nessun downtime per la sua attuazione.

Ne consegue che, dopo questa operazione, le eventuali azioni associate agli Alerts saranno effettuate tramite Action Groups, i quali saranno creati automaticamente dal processo di estensione.

L’estensione degli Alerts di Log Analytics nel portale Azure, oltre al vantaggio di poter consentire la gestione degli stessi da un unico portale, consente di usufruire dei seguenti benefici:

  • Non esiste più il limite dei 250 Alerts.
  • Si ha la possibilità di gestire, enumerare e visualizzare non solo gli Alerts di Log Analytics, ma anche quelli provenienti da altre fonti.
  • Si ha una maggiore flessibilità nelle azioni che si possono intraprendere a fronte di un Alerts, grazie all’utilizzo degli Action Groups, come ad esempio la possibilità di inviare SMS oppure di effettuare delle chiamate vocali.

Nel caso non si voglia attendere il processo automatico è possibile forzare la migrazione via API oppure dal portale OMS, secondo gli step in seguito documentati:

Figura 2 – Avvio del processo di “Extend into Azure” dal portale OMS
Figura 3 – Step 1: mostra i dettagli del processo di estensione.
Figura 4 – Step 2: summary delle modifiche proposte
Figura 5 – Step 3: conferma del processo di estensione

Specificando un indirizzo email è possibile ricevere una notifica al termine del processo di migrazione, contenente il summary report.

Figura 6 – Notifica dell’estensione degli Alerts pianificata

Durante il processo di estensione degli Alerts di Log Analytics in Azure non sarà possibile apportare delle modifiche agli Alerts esistenti e la creazione di nuovi Alerts dovrà avvenire da Azure Monitor.

Al termine del processo di estensione gli Alerts saranno comunque visibili anche dal portale OMS e si riceverà la notifica via mail, all’indirizzo specificato durante il wizard di migrazione:

Figura 7 – Mail di notifica al termine del processo di estensione

Dal portale Azure, nella sezione “Monitor – Alerts”, si avrà una gestione completa degli Alerts di Log Analytics:

Figura 8 – Esempio di modifica di una Alert Rule da Azure Monitor

L’estensione degli Alerts di Log Analytics in Azure Monitor non comporta dei costi, ma è opportuno tenere in considerazione che, l’utilizzo degli Azure Alerts generati da query di Log Analytics, non è soggetta a fatturazione solamente se rientra nei limiti e nelle condizioni riportati nella pagina dei costi di Azure Monitor.

Conclusioni

Grazie a questa attività di estensione degli Alerts di Log Analytics, Azure Monitor si conferma il nuovo engine di gestione di tutti gli Alerts, mettendo a disposizione degli amministratori una semplice e intuitiva interfaccia centralizzata ed arricchendo le possibili azioni di notifica a fronte di un alert.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant, è referente dell'area "Hybrid Fabric" e gestisce un team di persone che si occupa dei seguenti ambiti: - Progettazione e implementazione di sistemi di virtualizzazione on-premises (Hyper-V e VMware). - Microsoft Azure ed Amazon Web Services (AWS) IaaS. - Scenari di Disaster Recovery. - Strumenti di gestione dell'ambiente di virtualizzazione. - Hardware: server e storage. - File Services. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Diversi i progetti che lo hanno visto impegnato nel design di architetture Microsoft Cloud OS presso Service Provider italiani. Dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). Dal 2016 è stato docente di numerosi corsi ufficiali Microsoft riguardati Microsoft Azure. Nel 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management" per la condivisione della propria expertise tecnica e per l’impegno profuso verso le community e con Microsoft.