Le novità introdotte in Virtual Machine Manager 1807

In seguito al primo annuncio della Semi-Annual Channel release di System Center, avvenuto nel mese di febbraio con la versione 1801, nel mese di giugno è stata rilasciata la nuova update release: System Center 1807. In questo articolo saranno approfondite le nuove funzionalità introdotte in System Center Virtual Machine Manager (SCVMM) dall’update release 1807.

Networking

Informazioni relative alla rete fisica

SCVMM 1807 ha introdotto un importante miglioramento in ambito network. Infatti, utilizzando il Link Layer Discovery Protocol (LLDP), SCVMM è in grado di fornire informazioni per quanto riguarda la connettività alla rete fisica degli host Hyper-V. Questi i dettagli che SCVMM 1807 è in grado di recuperare:

  • Chassis ID: Switch chassis ID
  • Port ID: Porta dello Switch alla quale la NIC è connessa
  • Port Description: Dettagli relative alla porta, come ad esempio il Type
  • System Name Manufacturer: Manufacturer e dettagli sulla versione Software
  • System Description
  • Available Capabilities: Funzionalità disponibili del sistema (come ad esempio switching, routing)
  • Enabled Capabilities: Funzionalità abilitate sul sistema (come ad esempio switching, routing)
  • VLAN ID: Virtual LAN identifier
  • Management Address: Indirizzo IP di management

La consultazione di queste informazioni può avvenire tramite Powershell oppure accedendo alla console di SCVMM: View > Host > Properties > Hardware Configuration > Network adapter.

Figura 1 – Informazioni fornite da SCVMM 1807 in merito alla connettività fisica degli host Hyper-V

Questi dettagli risultano molto utili per avere visibilità sulla rete fisica e per facilitare le operazioni di troubleshooting. Tali informazioni saranno rese disponibili per gli host Hyper-V che rispettano i seguenti requisiti:

  • Sistema operativo Windows Server 2016 o successivo.
  • Feature DataCenterBridging e DataCenterBridging-LLDP-Tools abilitate.

Conversione SET in Logical Switch

SCVMM 1807 consente di convertire un Virtual Switch di Hyper-V, creato nella modalità Switch Embedded Teaming (SET), in un logical switch, utilizzando direttamente la console di SCVMM. Nelle precedenti versioni di SCVMM tale operazione era fattibile solamente tramite comandi PowerShell. Questa conversione può risultare utile per generare un Logical Switch, utilizzabile come template su differenti host Hyper-V gestiti da SCVMM.  Per maggiori informazioni sui Switch Embedded Teaming (SET) vi invito a consultare l’articolo Windows Server 2016: La nuova modalità di creazione dei Virtual Switch in Hyper-V

Supporto per host VMware ESXi v6.5

SCVMM 1807 ha introdotto il supporto di host VMware ESXi v6.5 all’interno della propria fabric. Per quella che è la mia esperienza, anche in ambienti costituiti da più hypervisors, difficilmente si utilizza SCVMM per la gestione di host VMware. Tale supporto è però importante in quanto introduce la possibilità di convertire VMs ospitate su host VMWare ESXi 6.5 in VMs di Hyper-v.

 

Storage

Supporto per la selezione del CSV da utilizzare durante l’aggiunta di un nuovo disco

SCVMM 1807 consente di specificare, durante l’aggiunta di un nuovo disco virtuale a una VM esistente, in quale cluster shared volumes (CSV) posizionarlo. Nelle precedenti release di VMM non veniva fornita questa possibilità e i nuovi dischi virtuali di default venivano posizionati sullo stesso CSV dove erano presenti i dischi già associati alla macchina virtuale. In alcune circostanze, come ad esempio in presenza di CSV con poco spazio libero a disposizione, questo comportamento poteva risultare non adeguato e poco flessibile.

Figura 2 – Aggiunta di un nuovo disco a una VM selezionando su quale CSV posizionarlo

Supporto per l’update di cluster Storage Spaces Direct (S2D)

In Virtual Machine Manager 2016 è presente il supporto per effettuare il deployment di cluster Storage Spaces Direct (S2D). Con SCVMM 1807 è stata introdotta anche la possibilità di fare patching e update dei nodi di cluster Storage Spaces Direct, orchestrando l’intero processo di update, che sfrutterà le baseline configurate in Windows Server Update Services (WSUS). Questa funzionalità consente di gestire in modo più efficace l’ambiente Storage Spaces Direct, punto cardine del Software Defined Storage di casa Microsoft, che porta al raggiungimento del Software Defined Data Center.

 

Statement di supporto

Supporto per SQL Server 2017

In SCVMM 1807 è stato introdotto il supporto per SQL Server 2017 per ospitare il relativo database. Questo consente di effettuare l’upgrade da SQL Server 2016 a SQL Server 2017.

 

Conclusioni

L’update release 1807 introduce in Virtual Machine Manager diverse novità che lo arricchiscono notevolmente in termini di funzionalità. Inoltre, questo aggiornamento risolve anche una serie di problematiche riportate nella documentazione ufficiale Microsoft. Si consiglia quindi di valutare un aggiornamento delle implementazioni di Virtual Machine Manager, per avere una maggiore stabilità e per poter usufruire delle nuove features introdotte. Si ricorda che le release appartenenti al Semi-Annual Channel hanno un periodo di supporto di 18 mesi.

Per provare System Center Virtual Machine Manager è necessario accedere all’Evaluation Center e dopo essersi registrati è possibile avviare il periodo di trial.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant, è referente dell'area "Hybrid Fabric" e gestisce un team di persone che si occupa dei seguenti ambiti: - Progettazione e implementazione di sistemi di virtualizzazione on-premises (Hyper-V e VMware). - Microsoft Azure ed Amazon Web Services (AWS) IaaS. - Scenari di Disaster Recovery. - Strumenti di gestione dell'ambiente di virtualizzazione. - Hardware: server e storage. - File Services. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Diversi i progetti che lo hanno visto impegnato nel design di architetture Microsoft Cloud OS presso Service Provider italiani. Dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). Dal 2016 è stato docente di numerosi corsi ufficiali Microsoft riguardati Microsoft Azure. Nel 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management" per la condivisione della propria expertise tecnica e per l’impegno profuso verso le community e con Microsoft.