OMS e System Center: novità di Settembre 2018

Nel mese di settembre sono state annunciate, da parte di Microsoft, diverse novità riguardanti Operations Management Suite (OMS) e System Center. La nostra community rilascia mensilmente un riepilogo che consente di avere una panoramica complessiva delle principali novità del mese, in modo da rimanere costantemente aggiornati su questi argomenti e di disporre dei riferimenti necessari per condurre eventuali approfondimenti.

 

Operations Management Suite (OMS)

Azure Automation

In Azure Automation è stata introdotta la possibilità di importare (package in formato .whl, .tar o .gz), creare ed eseguire runbook in Python 2. Per questi runbook è previsto anche l’utilizzo delle risorse di Automation quali schedulazioni, variabili, connessioni e credenziali. La loro esecuzione può avvenire sia da Azure che tramite Hybrid Runbook Worker. Per approfondire questa nuova funzionalità è possibile consultare questo articolo.

Figura 1 – Import di un package Python 2

In Azure Update Manager sono state rilasciate queste nuove funzionalità:

Figura 2 – Pre/post deployment tasks
  • Dynamic groups (preview): consente di creare dei gruppi dinamici di Azure VMs come target per gli update deployments. Questi gruppi vengono definiti tramite query (basate su Subscription, Resource groups, Locations e Tags) e la membership viene calcolata all’avvio dell’update deployment.
Figura 3 – Dynamic groups
  • Update inclusion: permette di specificare la lista degli update inclusi, per controllare con esattezza quali update vengono applicati durante l’esecuzione del deployment.
Figura 4 – Update inclusion

 

Azure Backup

In Azure Backup è stato esteso il supporto per consentire la protezione di macchine virtuali che hanno collegati fino a 32 dischi. Il limite precedente era di 16 dischi.

 

System Center

System Center Configuration Manager

Rilasciata la versione 1809 per il branch Technical Preview di System Center Configuration Manager.

In questo rilascio vengono contemplati diversi miglioramenti riguardanti:

  • La funzionalità CMPivot. Si tratta di una nuova utility disponibile nella console di Configuration Manager in grado di fornire informazioni in tempo reale riguardanti i dispositivi connessi nel proprio ambiente. Su queste informazioni è possibile applicare dei filtri e dei raggruppamenti, per poi svolgere determinate azioni.
  • Product lifecycle dashboard.
  • Data warehouse.
  • Maintenance windows per i software updates.

Si ricorda che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM ed è consigliato applicare questi aggiornamenti solo in ambienti di test.

 

Rilasciata la versione 1808 per il Current Branch (CB) di System Center Configuration Manager. Tra le principali novità di questo aggiornamento emerge la possibilità di effettuare un rilascio graduale dei software update in modo automatico (Phased Deployment). Il pulsante che consente di configurare questa operazione è presente nei nodi della console All Software UpdatesAll Windows 10 Updates, e Office 365 Updates.

Figura 5 – Pulsante di creazione del Phased Deployment

 

In questo interessante articolo vengono riportati gli annunci fatti durante Microsoft Ignite 2018 riguardanti System Center Configuration Manager e Microsoft Intune.

 

System Center Operations Manager

Microsoft ha annunciato che il servizio cloud di Global Service Monitor (GSM) presente in SCOM ed utilizzato per monitorare la disponibilità delle applicazioni web esterne da differenti location geografiche, sarà ritirato nel mese di novembre 2018. La raccomandazione è di utilizzare Azure Application Insights, che offre funzionalità avanzate di nuova generazione per il monitor delle applicazioni web. Per maggiori informazioni a riguardo è possibile consultare l’annuncio ufficiale Microsoft.

 

System Center Updates Publisher

Si segnala il rilascio di un update rollup per System Center Updates Publisher (SCUP) che risolve alcune importanti problematiche.

 

Valutazione di OMS e System Center

Si ricorda che per testare e valutare in modo gratuito Operations Management Suite (OMS) è possibile accedere a questa pagina e selezionare la modalità che si ritiene più idonea per le proprie esigenze.

Per provare i vari componenti di System Center è necessario accedere all’Evaluation Center e dopo essersi registrati è possibile avviare il periodo di trial.

A proposito di Francesco Molfese

Francesco Molfese ha conseguito la laurea in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2004. Nel 2005 inizia la sua esperienza lavorativa nel settore ICT in ambito sistemistico. Durante il 2006 segue un percorso formativo che termina con il raggiungimento della certificazione "Microsoft Certified Systems Engineer". Presso l'azienda dove lavora, ricopre il ruolo di Senior Consultant, è referente dell'area "Hybrid Fabric" e gestisce un team di persone che si occupa dei seguenti ambiti: - Progettazione e implementazione di sistemi di virtualizzazione on-premises (Hyper-V e VMware). - Microsoft Azure ed Amazon Web Services (AWS) IaaS. - Scenari di Disaster Recovery. - Strumenti di gestione dell'ambiente di virtualizzazione. - Hardware: server e storage. - File Services. Dal 2006 è stato coinvolto in diverse implementazioni di sistemi di management, ha seguito numerosi progetti per la sicurezza e protezione dei dati aziendali ed ha implementato svariati sistemi di virtualizzazione. Tutte queste attività sono state svolte su clienti che spaziano da alcune centinaia di sistemi fino a diverse migliaia. Diversi i progetti che lo hanno visto impegnato nel design di architetture Microsoft Cloud OS presso Service Provider italiani. Dal 2012 detiene la qualifica di "Microsoft Certified Trainer" (MCT). Dal 2016 è stato docente di numerosi corsi ufficiali Microsoft riguardati Microsoft Azure. Nel 2016 Microsoft gli assegna il titolo Most Valuable Professional (MVP) nella specializzazione "Cloud and Datacenter Management" per la condivisione della propria expertise tecnica e per l’impegno profuso verso le community e con Microsoft.